Articoli correlati ‘Aosta’

per un 8 Marzo Resistente – presentazione del libro “La scelta di Lea”

2 marzo 2015

 

Anpi Valle d’Aosta, Libera VdA, Zonta Club, Amici Tour de Villa e il Comune di Gressan invitano la popolazione a partecipare alla presentazione del libro “La scelta di Lea” di Marika Demaria, edito dalla Melampo, DOMENICA 8 MARZO ALLE ORE 17 presso il castello “La Tour de Villa” di Gressan.


Dopo aver collaborato per anni in diverse testate valdostane, Marika Demaria dal 2010 lavora per la redazione del mensile “Narcomafie ” a Torino, fondato da don Luigi Ciotti. Per il mensile ha seguito, tutte le udienze del processo di primo e secondo grado del processo per la morte di Lea Garofalo. E’ referente regionale di Libera Valle d’Aosta.


Il libro è una restituzione della vicenda umana e processuale della testimone di giustizia assassinata nel 2009
. La presentazione sarà intervallata da letture di Barbara Caviglia; modera Beatrice Caddeo, giovane attivista nell’Anpi VdA e in Libera VdA.

Atti del Convegno – DUE GIORNATE PER NON DIMENTICARE

9 febbraio 2015

Sono online gli Atti del Convegno “Due Giornate Per Non Dimenticare” tenutosi su due giornate, la prima a Cogne Sabato 23 agosto 2014 “La Repubblica Di Cogne” e il secondo Sabato 6 settembre 2014 tra Charvensod e Aosta dedicato al ricordo di Giorgio Elter e  al ruolo della Nazionale Cogne nella resistenza valdostana.

Copertina

Atti del Convegno – 23 agosto, 6 settembre 2014

Comunicato stampa: preoccupazione dell’ANPI

3 novembre 2014

Il Comitato A.N.P.I. Valle d’Aosta esprime sincera preoccupazione di fronte al fatto che un rappresentante politico della massima istituzione democratica della Città di Aosta, capoluogo di una regione insignita della medaglia d’oro della Resistenza, manifesti pubblicamente, forse con eccessiva leggerezza, il proprio “piacere” al ricordo di una ricorrenza, il 28 ottobre 1922, che evoca un passato tutt’altro che glorioso.

L’evento commemorato, la marcia su Roma, viene considerato il simbolo dell’avvio del ventennio fascista, origine, semmai, di guerre, stragi brutali anche di popolazioni inermi, miseria, ferite non ancora rimarginate e di umiliazione per il nostro paese.

Ci auguriamo che da parte dell’Assessore comunale Andrea Paron, persona sicuramente intelligente e consapevole del suo ruolo istituzionale, onde fugare ogni ingiusto sospetto di deriva nostalgica, almeno alle famiglie dei partigiani, dei militari e dei civili caduti in nome della libertà, a partire da Emile Chanoux, vengano rivolte doveroso scuse

Calendario per le Iniziative per il 25 Aprile in Valle d’Aosta

12 aprile 2014

Questo sarà un anno ricco di eventi e manifestazioni, non solo 25 Aprile. Ecco i prossimi eventi:

Martedì 22 aprile

Champdepraz – sala località Fabbrica

Ore 20,30 – Proiezione del video “In nome della libertà”, letture e interventi per ricordare la resistenza a Champdepraz

 

Mercoledì 23 aprile

Chatillon – Sala consiglio comunale

Ore 20,30 – Evento per i 70 anni della morte di Lexert, con canti, letture ed interventi.

 

FESTA DELLA LIBERAZIONE – VENERDI’ 25 APRILE

AOSTA – celebrazione ufficiale

Ore 10,00 – cimitero di Aosta

Santa Messa al Sacrario e deposizione di un corona.

Ore 11,10 – giardino della Rimembranza di via Festaz

Deposizione di una corona al monumento dei Morts de la Liberté.

A seguire

Corteo verso piazza Chanoux, alzabandiera, discorsi celebrativi di un esponente del comune di Aosta e dell’oratore dell’ANPI, Senatore Tullio Montagna.

Ore 16,45 – piazza Chanoux

Concerto della Banda Municipale di Aosta a ammaina bandiera.

 

AOSTA – TROFEO DELLA LIBERAZIONE

1° Memorial Ernesto Guglielminotti

Dalle ore 10 alle ore 17 – campi di Mont Fleury

Torneo di otto squadre di pulcini 2004 organizzato in collaborazione con UISP e il CENTRO GIOVANI CALCIATORI AOSTA

Dalle ore 18 alle ore 20 – campi di Mont Fleury

Torneo Over 50 organizzato in collaborazione con UISP e il CENTRO GIOVANI CALCIATORI AOSTA

 

AOSTA – FESTIVAL DELLA PAROLA – LES MOTS

Nella tensostruttura del Festival della parola – LES MOTS prende forma il progetto “In nome della libertà – volti e storie della resistenza in Valle d’Aosta” con gli oltre 20 teli appesi. Un progetto che parte adesso, ma che durerà nell’arco di tutto l’anno.

Durante tutta la giornata – piazza Chanoux

Proiezione del video “In nome della libertà” realizzato da Solal in collaborazione con la Presidenza della regione.

 

 

 

Ore 20,30 – piazza Chanoux

Serata in ricordo di Saverio Tutino con letture tratte dai suoi scritti e la partecipazione dell’Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano e Primarosa Pia, a sua volta “custode della memoria” e animatrice della mailing list “Deportati mai più”.

 

AOSTA  – MUSICA IN LIBERTA’

Dalle ore 16,00 alle 19,00 – place des Franchises

Concerto organizzato dai giovani dell’ANPI  con i gruppi EGIN – OMBRA E WOODY EXPERIENCE

 

BRISSOGNE e SAINT-MARCEL

Ore 10,00

Ritrovo dei partecipanti presso i rispettivi Comuni e deposizione delle corone ai Cippi dei Caduti.

Ore 11,00

Presso il Comune di Brissogne i Sindaci daranno il loro benvenuto ai partecipanti. Seguirà un Rinfresco offerto dall’Amministrazione Comunale di Brissogne.

 

FENIS

Ore 09,00 – località Chez Sapin presso il café Du Bourg

Ritrovo dei manifestanti con la banda musicale.

Ore 10,15

Messa in suffragio dei caduti

Benedizione monumenti guerre 1915/1918 e 1940/45

Discorso celebrativo tenuto dal Sindaco di Fénis, Giusto PERRON

 

SAINT-VINCENT

Ore 10,40

Raduno dei partecipanti davanti alla Chiesa.

Ore 11,00

Santa Messa nella chiesa parrocchiale

Deposizione corone ai monumenti ai caduti

Discorsi celebrativi

 

VERRES e ARNAD

VERRES

Ore 10.00 Ritrovo in piazza Ospedale

Ore 10.30 Corteo preceduto dalla Filarmonica di Verrès e deposizione di corona al monumento ai caduti in piazza XXV Aprile

Ore 10.45 Piazza René de Challand

Saluto del Sindaco Luigi Mello SARTOR e discorso celebrativo dell’oratore ANPI, consigliere regionale Raimondo DONZEL

 

ARNAD

Ore 11.45 Deposizione di una corona al monumento ai caduti

Saluto del Sindaco Pierre Bonel

Ore 13.00 Pranzo al ristorante “La Kiuva”

Ore 14.30 Gara di palet: “Trofeo anniversario della Liberazione”

 

DONNAS, PONT-SAINT-MARTIN e PERLOZ

PONT-SAINT-MARTIN

Ore 09.00 Ritrovo dei partecipanti presso la S.O.M.S.

Ore 10.00 Sfilata, commemorazione e deposizione di corone ai monumenti ai Caduti

DONNAS

Ore 11.00 Santa Messa nella chiesa parrocchiale

Ore 11.45 Deposizione corone e discorsi commemorativi ai monumenti ai Caduti

Ore 12.30 Pranzo presso il ristorante Les Caves

 

Mercoledì 30 aprile – LETTURE AL CASTELLO

Gressan – Castello Tour de Villa

Ore 21 – Presentazione del libro “Barbaro. Guido Ariano, storia di un partigiano garibaldino in Valle d’Aosta” con l’autrice Simona D’Agostino e lo storico valdostano Marco Cuaz.

 

28/29/30 aprile e 5 maggio – SETTIMANA DELLA RESISTENZA

Visite guidate per le scolaresche ai siti e al Museo della Resistenza di PERLOZ. Organizzata dall’Assessorato Istruzione e Cultura R.A.V.D.A. in collaborazione con l’ANPI, il comune di Perloz e l’Istituto Storico della Resistenza e della Società Contemporanea in Valle d’Aosta

 

Giovedì 1° maggio

Verres

Manifestazione con i sindacati per ricordare i 70 anni dalla Liberazione di Verres.

 

Venerdì 2 maggio

Aosta – Pzza Chanoux

Ore 15,30

Evento in collaborazione con l’Istituto Storico della resistenza e l’Istituzione Scolastica Lexert in ricordo di Emile Lexert. Canti, letture ed interventi dei ragazzi di secondo e terza media realizzati in collaborazione con il cantautore valdostano Roberto Contardo e Barbara Caviglia e Andrea Damarco – Replicante teatro.

 

Sabato 3 maggio

Arnad

Ore 10,30

Commemorazione, in collaborazione con il comune di Arnad dell’eccidio di Ville e l’inaugurazione della piazza, che verrà dedicata all’eccidio. Al vecchio nome della piazza “Piahe Keumeu-a” verrà aggiunto “Place 3 mai 1944” con apposizione di una targa ideata dall’ANPI.

Pranzo nella piazza offerto dall’amministrazione comunale

Le congratulazioni dell’ANPI a Lucia Bertolin per il premio ricevuto in occasione della “Donna dell’anno”

11 marzo 2014

Il comitato regionale dell’ANPI, Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, si felicita per la menzione speciale consegnata durante la cerimonia della “donna dell’anno” dall’Ufficio di Presidenza del Consiglio Valle a Lucia Bertolin, coraggiosa partigiana della 176^ Brigata Garibaldi.

“Lucia Bertolin,

nata a Verres il 15 giugno 1923 da Vittorio e Pidello Costanza, entra nella resistenza giovanissima.

Lavora come infermiera presso la “Guinzio & Rossi” di Verres e, anche grazie al proprietario della fabbrica, presta soccorso e cura ai partigiani. Lucia entra a far parte della 176° Brigata Garibaldi con il nome di battaglia Ninfa.

Lucia, durante la guerra, presta cura ai malati di scabbia e tifo incuranti del grande pericolo cui andavano incontro.

Lucia è una delle poche donne che ottiene il titolo di partigiana.

Da oltre vent’anni vive ad Alagna, ma continua ad essere legatissima alla sua Valle.

Si occupa ancora oggi di diverse iniziative per non dimenticare il sacrificio e l’abnegazione con la quale lei e le altre donne lottarono, contribuendo a realizzare un’impresa che sembrava un’utopia.

Combattenti al pari degli uomini quando ancora la parità era di là da essere riconosciuta..”

Giovediamoci – Serata sulla resistenza a Nus

16 dicembre 2013

Letture, interventi e video per raccontare la Resistenza a Nus

 

Il 19 dicembre 2013 ore 21 nei giovediamoci organizzati dal comune di Nus si parlerà di Resistenza con l’ A.N.P.I. – Valle d’Aosta “Fatigué dans le corps par l’âge mais avec le désir de reconfirmer à haute voix ce qui avait mon ideal de vie: paix, progress, égalité parmi les peuples, parmi les classes oppresses. C’est un idéal précieux qui m’a toujours accompagné et que je laisse aux jeunes en héritage”
Giovanni Chabloz, “Carlo”
Con la collaborazione dell’Istituto Storico della Resistenza e della società contemporanea della Valle d’Aosta e di Elisa Bortot, Erika Centomo, Irene Deval, Giulio Fiou, Ezio Gerbore, Erika Guichardaz, Andrea Lamberti, Nadia Savoini, Sara Timpano, Anna Tutel, Emilio Martino Zambon e di tantissimi altri… DIFFONDETE E PARTECIPATE!

DUDO – Sabato 23 Novembre

19 novembre 2013

Letture, testimonianze ed interventi per ricordare Giulio Dolchi “Dudo” a distanza di 10 anni dalla sua morte

Le nostre iniziative per la “FESTA DELLA LIBERAZIONE” 2013

17 aprile 2013

Anche quest’anno il Comitato valdostano dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia presenta un ricco calendario di commemorazioni, iniziative culturali e sportive, previste in diversi comuni della Valle, per celebrare la “Festa della Liberazione”, dedicando ampio spazio alla riflessione, alla cultura e ad iniziative sportive che vogliono anche essere un momento di aggregazione accanto ai momenti più commemorativi del 25 aprile.

Il 25 aprile cade in un momento di gravissima crisi e speriamo che questa Festa, celebrata in tantissimi Comuni della Valle d’Aosta rimetta in moto la speranza nel solco delle sue radici autentiche : Antifascismo e Resistenza

L’ANPI sarà in campo, e lavorerà a fianco delle cittadine e dei cittadini, per compiere questo decisivo percorso, con passione e rinnovata energia: l’ANPI è la forza dei suoi giovani, della sua nuova stagione per la democrazia.

Una stagione di piena e straordinaria Liberazione.

Queste iniziative sono il frutto di una fattiva collaborazione con la Presidenza della Regione, le varie amministrazioni comunali, l’Istituto Storico della Resistenza e della Società Contemporanea in Valle d’Aosta, la fondazione Natalino Sapegno e l’Associazione UISP (Unione Italiana Sport per Tutti).

FESTA DELLA LIBERAZIONE 2013

CALENDARIO DELLE INIZIATIVE IN VALLE D’AOSTA

 

MORGEX

Mercoledì 8 maggio

Ore 18,00 – Tour de l’archet

Incontro organizzato in collaborazione con la Fondazione Sapegno con la staffetta partigiana e vicepresidente nazionale dell’ANPI, Marisa Ombra per discutere delle problematiche della libertà e dignità. L’incontro è sintetizzato nel messaggio che la scrittrice rivolge alle ragazze di oggi con il libro “Libere sempre” cercando di ritrovare emozioni, paure e desideri di quella ragazza del 1939, nella consapevolezza che essere giovani oggi non è molto diverso da averli avuti settant’anni fa e che anche i tempi di questa e quella gioventù hanno qualcosa in comune.

 

SARRE

Venerdì 19 aprile – Sarre

Ore 10,00 – chiesa di san Eustachio – Chesallet

Santa Messa presieduta da S.E. Mons. Vescovo di Aosta

Ore 11 – piazzale della casa parrocchiale di Chesallet

Deposizione di una corona alla targa commemorativa di don Duc e discorsi commemorativi

Ore 11,20 – monumento in memoria di don Duc e dei caduti di tutte le guerre

Deposizione di una corona e resa d’onori

 

AOSTA

Giovedì 25 aprile

Ore 09,30 – cimitero di Aosta

Deposizione di un mazzo di fiori sulla tomba di Orlando BEE, vicepresidente regionale dell’ANPI e brevi pensieri in sua memoria dei componenti della sezione di Aosta.

Ore 10,00 – cimitero di Aosta

Santa Messa al Sacrario e deposizione di un corona.

Ore 11,10 – giardino della Rimembranza di via Festaz

Deposizione di una corona al monumento dei Morts de la Liberté.

A seguire

Corteo verso piazza Chanoux, alzabandiera, discorsi celebrativi di un esponente del comune di Aosta e del sen. Umberto CARPI, componente del comitato.

Ore 17,00 – piazza Chanoux

Concerto della Banda Municipale di Aosta a ammaina bandiera.

Domenica 28 aprile

Ore 14,00 – casa di Babel in p.zza Chanoux

I partigiani ricordano il 28 aprile 1945 quando entrarono ad Aosta sollecitati da alcune letture curate dalla compagnia “Replicante teatro” in collaborazione con l’Istituto Storico della Resistenza e della Società Contemporanea in Valle d’Aosta.

Giovedì 9 maggio

Ore 10,00 – biblioteca regionale

Incontro con alcune classi degli istituto superiori con le staffette partigiane Anna Cisero Dati e Marisa Ombra, vicepresidente nazionale dell’ANPI per discutere delle problematiche della libertà e dignità. L’incontro è sintetizzato nel messaggio che la scrittrice rivolge alle ragazze di oggi con il libro “Libere sempre” cercando di ritrovare emozioni, paure e desideri di quella ragazza del 1939, nella consapevolezza che essere giovani oggi non è molto diverso da averli avuti settant’anni fa e che anche i tempi di questa e quella gioventù hanno qualcosa in comune

 

SAINT-MARCEL e BRISSOGNE

Giovedì 25 aprile

Ore 10,00

Ritrovo dei partecipanti presso i rispettivi Comuni e deposizione delle corone ai Cippi dei Caduti.

Ore 11,00

Presso il Comune di Saint-Marcel i Sindaci daranno il loro benvenuto ai partecipanti. Seguirà un Rinfresco offerto dall’Amministrazione Comunale di Saint-Marcel.

Ore 12,30

Pranzo presso la trattoria “Come a casa” (ex bar Turismo) in Fraz. Prelaz di Saint-Marcel

Per prenotazioni pranzo chiamare entro il 22 aprile: Bionaz Piero tel 333 5099765, Blanc Cino tel 389 1621789, ristorante 0165 778789

FENIS

Giovedì 25 aprile

Ore 09,15 – località Chez Sapin presso il café Du Bourg

Ritrovo dei manifestanti con la banda musicale.

Ore 10,00

Messa in suffragio dei caduti

Benedizione monumenti guerre 1915/1918 e 1940/45

Discorso celebrativo tenuto dal Sindaco di Fénis, Giusto PERRON

Inni e canti eseguiti dal coro Saint Roch

Ore 13,00

Pranzo presso il ristorante “Lo Bistrot”

Per prenotazioni pranzo chiamare entro il 23 aprile al numero 389 1837254

SAINT-VINCENT

Giovedì 25 aprile

Ore 10,40

Raduno dei partecipanti davanti alla Chiesa.

Ore 11,00

Santa Messa nella chiesa parrocchiale

Deposizione corone ai monumenti ai caduti

Discorsi celebrativi

 

VERRES e MONTJOVET

Domenica 21 aprile

ISSOGNE

Ore 10.00 Partenza dal monumento ai caduti della 176^ BG per la PEDALATA DELLA MEMORIA (omaggio alle lapidi dei caduti sul percorso Issogne- Champdepraz-Montjovet)

MONTJOVET – area sportiva di località Berriat

Ore 11.30 Aperitivo con i partigiani e apertura dell’esposizione delle produzioni scritte ed iconografiche degli alunni

Ore 21.00 “L’ombra del fiore” – spettacolo teatrale e musicale a cura dei Replicante teatro accompagnati da Andrea Costamagna alla fisarmonica

Mercoledì 24 aprile

MONTJOVET – area sportiva di località Berriat

Ore 21.00 Presentazione, in anteprima, della pubblicazione curata da Silvia Berruto: “Guida ai musei della Resistenza e della lotta di Liberazione” frutto del lavoro della Commissione Scuola “Dolores Abbiati”dell’ANPI di Brescia.

Giovedì 25 aprile

VERRES

Ore 09.30 Torneo di calcio “25 Aprile” – squadre veterani in collaborazione con l’UISP Valle d’Aosta

Ore 10.00 Ritrovo in piazza Ospedale

Ore 10.30 Corteo preceduto dalla Filarmonica di Verrès e deposizione di corona al monumento ai caduti in piazza XXV Aprile

Ore 10.45 Piazza René de Challand

Saluto del Sindaco Luigi Mello SARTOR e discorso celebrativo tenuto dal consigliere regionale Raimondo DONZEL

MONTJOVET

Ore 12.00 località Berriat

Deposizione di una corona al monumento ai caduti con il saluto del Sindaco Rinaldo GHIRARDI

Ore 13.00 Pranzo sociale presso il ristorante “Napoleon”

Ore 14.30 Gara di palet: “Trofeo anniversario della Liberazione”

Prenotazioni per pranzo al tel. 333 4671228

 

DONNAS, PONT-SAINT-MARTIN e PERLOZ

Giovedì 25 aprile

DONNAS

Ore 09.00 Deposizione di una corona al monumento ai Caduti

PONT-SAINT-MARTIN

Ore 09.30 Ritrovo dei partecipanti presso la S.O.M.S.

Ore 10.00 Deposizione di corone ai monumenti ai Caduti

PERLOZ

Ore 11.15 Santa Messa nella chiesa parrocchiale

Ore 12.00 Deposizione corone e discorsi commemorativi

Ore 12.30 pranzo sociale presso l’osteria “Ca du For”

prenotazione entro lunedì 22 – tel. 347 5833243

Ore 16.00 spettacolo teatrale “L’altra storia”

Cento anni di vicende italiane (1848-1948) rivisitati attraverso

testimonianze e canti popolari a cura del Gruppo Teatro Angrogna

Accompagneranno le cerimonie la Banda musicale di Pont-Saint-Martin e letture sulla Resistenza da parte di alunni dell’Istituzione Scolastica Mont Rose A”. 

Commemorazioni Estive 2012

18 luglio 2012

DOMENICA 24 GIUGNO – FÉNIS
Ore 10.00 Commemorazione della Resistenza dei partigiani
della Suelvaz.

  • Ritrovo dei partecipanti e messa in suffragio dei caduti presso la chiesa parrocchiale;
  • Discorsi commemorativi e deposizione corona Canti e inni eseguiti dal “Coro St. Roch” di Fénis.
  • Rinfresco organizzato dell’Amministrazione Comunale e della Pro Loco di Fénis.

Ore 12.30 Pranzo presso il ristorante ”Dei Cacciatori” (prenotazione entro 22 c.m al 329-4392548).

 

DOMENICA 22 LUGLIO – SAINT-NICOLAS
Ore 11.30 Commemorazione dell’attacco portato dai nazifascisti contro gli uomini della banda di Vertosan, al comando di Andrea Patuasso “Bert”, del rastrellamento, dell’incendio e dei sedici caduti.

  • Messa nella cappella che ricorda i partigiani caduti
  •  Deposizione corona e discorsi commemorativi.

 

SABATO 28 LUGLIO – ISSIME

68° anniversario della Battaglia del Lys.
L’organizzazione della manifestazione verrà curata dalla sezione ANPI di Pont-Saint-Martin.

 

DOMENICA 29 LUGLIO – TERRE NOIRE (P. S. Bernardo)

Ore 11.00 Commemorazione del massacro di Terre Noire.

  • Deposizione corone e funzione religiosa;
  • Discorsi commemorativi.

 

DOMENICA 19 AGOSTO – TROIS -VILLES (Quart)

Anniversario del rastrellamento e della distruzione di Trois-Villes avvenuto il 24 agosto 1944 per ritorsione contro l’attacco partigiano al posto di blocco di Nus, effettuato il 18 agosto da parte dei partigiani della 13^ banda Emile Chanoux
Ritrovo alle ore 10.00 alla chiesetta di Trois-Villes per la processione verso il monumento al giovane partigiano dove si terrà la messa, la deposizione della corona, letture e canti partigiani interpretati da Giorgio Pilon.
Ore 13.00 Pranzo
La commemorazione degli avvenimenti sarà curata in collaborazione
con l’Amministrazione Comunale di Quart.

 

DOMENICA 26 AGOSTO – MOLÈRE (Valsavarenche)

Commemorazione in ricordo dell’attacco al presidio partigiano in cui i nazifascisti uccidono, massacrandoli, cinque giovani, incendiano il villaggio ed uccidono sulla soglia Pietro Carlin, ottantenne.
Ore 10.30 Ritrovo al primo cippo, sulla strada regionale, per
la deposizione dei fiori.
Ore 11.00 Messa al monumento di Molère.
Deposizione corona e discorsi commemorativi.

 

VENERDì 7 SETTEMBRE – AMAY (Saint-Vincent)

Ore 11.00 Cerimonia commemorativa a ricordo dei combattimenti svoltisi nella zona e dei numerosi caduti

  • Messa nella chiesa di Amay
  • Deposizione corona e discorsi commemorativi
  • Aperitivo offerto dalla sezione A.N.P.I. di Saint-Vincent
  • Pranzo al Col di Joux

Per informazioni rivolgersi a Sergio Peaquin (3396646587)

 

MARTEDI’ 16 OTTOBRE – SALONE DUCALE (Aosta)

Anniversario dell’uccisione di Aurora Vuillerminaz “Lola”, staffetta e guida partigiana e del gruppo da lei guidato a cui solo Raimondo Lazzari sfuggirà fortunosamente alla morte.
Ore 16.00 deposizione di un mazzo di fiori alla lapide del cimitero di Villeneuve.
Ore 20.30 Serata con letture di Sofia Cossard, Saverio Tutino e Raimondo Lazzari interpretate da Nadia Savoini, canti curati da Maura Susanna, intervento di Silvana Presa e videoproiezione di Giuliana Ferrero.

 

18/20 OTTOBRE – COGNE

In occasione dei 90 anni della ferrovia del Drinc, via di fuga e collegamento durante l’occupazione partigiana di Cogne verranno ricordati i partigiani della Repubblica di Cogne con interventi, video proiezioni, canti e letture

 
DOMENICA 21 OTTOBRE – CHÉSOD (Antey-Saint-André)
Commemorazione dell’anniversario dei combattimenti sostenuti nella valle dalla 101^ Brigata Marmore nel 1944. Deposizione corona, messa e discorsi commemorativi

 

Discorso di Alessandro Pollio Salimbeni per il 25 Aprile di Aosta

28 aprile 2012

foto tratta da Aostasera.it

Il discorso del vicepresidente nazionale dell’ANPI Alessandro Pollio Salimbeni per il 25 aprile in piazza Emile Chanoux ad Aosta:

Celebriamo il giorno della Liberazione come una delle date fondative della Repubblica Italiana.

Permettetemi di dirlo con un di più di orgoglio e di partecipazione, dal momento che in questa piazza e in questa città la mia famiglia ha dato un contributo diretto a quei giorni e a quelle scelte che hanno segnato il riscatto e il nuovo inizio di una grande storia nazionale.

Ma – al di là delle ragioni personali – Resistenza e Liberazione, Repubblica il 2 giugno, Costituzione dal 1 gennaio 1948 sono i tre pilastri sui quali fare affidamento ogni giorno della nostra vicenda storica e politica per trovare in essi valori, obiettivi, energie per costruire un Paese all’altezza delle aspirazioni e dei bisogni di tutti i cittadini.

Il senso del 25 aprile è questo: dalla difficile scelta della Resistenza alla Liberazione del Paese nasce una spinta che deve durare nel tempo. Per questo è stata osteggiata, talvolta nascosta, sempre discussa, per la sua forza trainante, per il richiamo costante al fatto che – certamente in contesti più ampi – dal nostro impegno nasce il nostro sviluppo, il nostro futuro.

E questo vale tanto di più nelle difficoltà attuali, dalle quali – si continua a dire e diciamo anche noi oggi – non si esce solo con il freddo taglio che segue ad anni di irresponsabile sottovalutazione e dissipazione delle risorse pubbliche ma soltanto con la ripresa di politiche pubbliche nel campo economico, industriale e sociale. Insomma, non ripercorrendo strade – certo più decenti, certo più etiche, certo più adeguate a quell’onore delle funzioni pubbliche cui ci richiama la Costituzione – ma costruendone di nuove.

Sacrifici? Certo, se necessari e se proporzionali al reddito e alle responsabilità di ciascuno. Equità? Sicuramente, perché ci sono tanti che anche negli anni scorsi hanno pagato prezzi duri alla crisi che non è di oggi (oggi si chiamano “esodati” e la brutta parola non fa che sottolineare il fatto che si tratta di vittime di scelte fatte sulla loro testa e la loro pelle). Rigore? Naturalmente, dopo aver visto per troppo tempo l‘esibizione delle superricchezze (e di un po’ di supercafoni, che si accompagnano sempre), a partire dalla giusta repressione dello scandalo dell’evasione fiscale.

Ma tutto questo chiede tanta, nuova e buona politica. Viva i professori, se ridisegnano un profilo di serietà e autorevolezza, di cui siamo stati sprovvisti per molto tempo. Ma viva la vita normale, quella un po’ lontana dalle aule universitarie e dai convegni internazionali: e la politica torni ad essere voce e corpo della vita normale. Anche su questo aspetto vorremmo un po’ più di attenzione e rigore: si sentono toni e parole che nemmeno nascondono una antica pulsione contro la politica: si sappia che tutte le avventure di destra sono iniziate così. Non si può non vedere che in tanti partiti si sono depositati fatti scandalosi, comportamenti delinquenziali, personaggi di profilo quando va bene dubbio – e va molto peggio, come sappiamo. E però non è giusto mettere tutto e tutti nello stesso sacco: distinguere, giudicare i fatti, guardare alle differenze, non solo per colpire meglio le responsabilità ma anche per colpire bene le responsabilità che invece appartengono a tutti, iniziando dal senso di superiorità e di separatezza (in questo certo da casta), di privilegio che non si possono accettare.

E non si può nemmeno tacere il fatto che tutto ciò esplode dinanzi al fatto delle troppe figure scialbe o addirittura del tutto fuori posto, quando non offensive, che da tempo hanno iniziato a popolare le stesse aule istituzionali. Ci vogliamo chiedere come mai questi temi non colpivano il sentimento popolare quando il personale politico era simboleggiato dai Moro e dai Nenni, dai Berlinguer e dai La Malfa?

Non è nostalgia, non è rimpianto, non siamo quelli per cui “non ci sono più le stagioni di una volta”!

Il punto è che quel personale politico aveva ancora – nelle ampie differenze ed anche nello scontro politico perfino più intenso (certo più serio) di oggi (un rapporto diretto, intellettuale – civile – morale prima ancora che personale) – con la Resistenza e la Liberazione dal nazifascismo.

Questo ci dice che non si nasce antifascisti, democratici, ma lo si diventa. Con la fatica della realtà, dell’impegno, dello studio; con la sensibilità del guardare alle condizioni materiali; con l’orgoglio di non accettare verità supreme imposte col principio della autorità; con tutto questo si reagisce, si mette in discussione lo stato del cose presenti, si prepara un futuro diverso.

Per questo non siamo d’accordo con chi dice che ormai antifascismo e Resistenza vanno consegnati alla storia. Naturalmente è vero, 67 anni sono molti nella vita di un Paese, oltre che delle persone. E’ vero anche, però, che da noi (per la verità anche in altri paesi d’Europa) ci sono tracce pesanti, continua l’alimentazione di miti e la presenza di forze apertamente politiche e apertamente fasciste. In Italia, in Germania, Francia, Olanda, GB, oggi perfino nel governo dell’Ungheria, ci sono gruppi, sedi, siti esplicitamente fascisti e nazisti, che fanno circolare propaganda razzista e xenofoba e tentano una penetrazione nei quartieri popolari, facendo leva sul disagio sociale, mascherandosi dietro attività “culturali”, un po’ dappertutto ed anche qui in Valle.

Proprio perché siamo consapevoli della crisi democratica che stiamo attraversando, pensiamo si debba rilanciare una duplice prospettiva di sviluppo.

La prima è più Europa. Non quella dei banchieri, di chi pensa che tagliando le risorse si raddrizzi l’economia: essa si raddrizza se le persone concrete sono in grado di vivere oggi e costruire un futuro, come da Keynes in poi dovrebbero aver imparato tutti. Non quella di freddi poteri tecnocratici e universitari: servono, indubbiamente, ma hanno il loro tempo e il loro spazio. Invece, pensiamo alla Europa che si fonda su procedure democratiche e partecipative, su cessione di sovranità anche nei campi più delicati, dal fisco alla politica estera e di difesa, che sostenga ampie iniziative nella formazione e nello sviluppo economico e industriale, sulle autonomie – così compresse in questi anni e ad ulteriore repentaglio con i recenti provvedimenti fiscali. Rilanciamo da qui – dopo alcuni anni di delirio federalistico che mascherava scelte di aspro centralismo – la Carta di Chivasso, con la quale Emilio Chanoux ebbe, con gli altri sottoscrittori, la visione lunga di una diversa fondazione dello Stato repubblicano, parallela e coerente con l’impianto unitario che fu poi della Costituzione e con la altrettanto lungimirante visione europeistica di Altiero Spinelli.

La seconda è una nuova fase della democrazia in Italia: i 150 anni non sono stati solo una celebrazione. Occorre rafforzare sia le procedure per le decisioni –con modalità che altri Paesi sperimentano da tempo e che si fondano sulla più completa informazione, la valutazione dei dati oggettivi dei problemi e soprattutto l’idea che discutere arricchisca e renda consapevoli: se la TAV in Francia (e non solo) procede è perché i cittadini e i comuni sono soggetti e non oggetti – sia il ruolo e l’importanza dei corpi intermedi (art. 2 della Costituzione).

Su questo vediamo invece insofferenza, per la mediazione, per la ricerca faticosa e paziente della costruzione di punti di arrivo condivisi. Attenzione, è anche il segno delle confuse idee e decisioni in ordine alle riforme istituzionali ed anche elettorali e questo va detto sia a destra che a sinistra, con differenze non banali sul contorno ma non sulla sostanza. Da qui sono nate le teorie e troppe “riforme” (in cui pesano più le virgolette della parola), via partiti, sindacati, associazioni. Solo il capo, il leader e la folla che applaude – può essere folla di pubblico come allo stadio oppure atomizzata dinanzi alla tv oppure ancora la folla “moderna” di Internet che qualche “capo” moderno evoca o bastona a suo piacere (altro che democrazia: dal comico al tragico,. Si potrebbe dire).

Guardate i gesti, pesate i linguaggi, valutate le parole che si usano: che Italia ci si aspetta, così? E allora ci permettiamo un severo monito alla responsabilità, prima che ci sia lo sciopero del voto, segnale di allarme grave quanto se non più della malattia.

Antifascismo è Repubblica e Costituzione, cioè il terreno comune di rispetto reciproco, di regole comuni a tutti, di attenzione a cose e persone che non sono eguali. Eguali nei diritti e nei doveri: qui sta il fondamento della convivenza civile e della libertà. E tutti noi siamo qui per questo e per testimoniare un impegno comune e permanente che ogni 25 Aprile vogliamo rinnovare nelle piazze, nelle strade delle nostre città e – ci auguriamo – nella coscienza di donne e uomini, giovani e anziani, che sono la vera forza, la vera garanzia del Paese, della sua libertà, della sua felicità.