Articoli correlati ‘autonomie’

Partire dalle autonomie locali per costruire un’Europa sociale

12 aprile 2012

Venerdì 23 marzo l’ANPI della Valle d’Aosta, nella persona di Andrea Lamberti (membro del comitato regionale), ha partecipato al convegno dal titolo “Autonomia, democrazia, lavoro: idee forti per l’Europa”, svoltosi a Bolzano il 23 marzo, promosso dall’ANPI nazionale.

L’ANPI ritiene che costruire un’Europa sociale, fondata sui diritti, primo tra tutti il “lavoro”, sia indispensabile per portare avanti i valori di libertà e giustizia che hanno guidato la Resistenza. E’ però preoccupante il diffondersi in Europa di sentimenti razzisti e xenofobi, spesso uniti a rigurgiti neo-fascisti (si pensi ad esempio all’Ungheria). Le autonomie locali, da sempre laboratorio d’incontro tra culture differenti, possono essere la base per costruire un nuovo sentimento europeista, che sappia andare oltre la sola unità politica, apprezzabile ma insufficiente.

L’ANPI ritiene che parlare di Europa e Autonomia non sia contraddittorio, infatti Europa e Autonomia convivono in un sistema più ampio di relazioni che sono alla base di una convivenza pacifica. L’ANPI condanna invece il regionalismo e il particolarismo egoistici e chiusi rispetto al mondo esterno, incapaci di creare solidarietà e legami sociali, generatori di odio e intolleranza.

L’ANPI difende quindi con forza le autonomie locali, troppo spesso accusate di essere fonte di privilegi immotivati. L’ANPI considera l’autonomia, un modello fondato su una più profonda vicinanza al cittadino e al territorio e su una maggiore responsabilizzazione della politica. In questo, oltre che nella storia, l’autonomia locale trova la sua legittimazione.

Andrea Lamberti sottolinea: “ E’ importante portare avanti anche in Valle d’Aosta una nuova riflessione sul significato e il ruolo che devono avere oggi le autonomie locali. Stiamo attraverso un momento di radicale trasformazione degli assetti istituzionali, italiani ed Europei; non possiamo eludere il problema guardando al passato; un cambiamento oggi appare necessario, se non vogliamo esserne travolti dobbiamo saperlo guidare.”