Un 25 aprile di nuova primavera e memoria attiva

24 aprile 2021 Lascia un commento »

A causa dell’emergenza sanitaria in corso, il 25 Aprile, data fondamentale della storia d’Italia, anche quest’anno non potrà essere ricordato con cortei e manifestazioni. Tutte le sezioni dell’ANPI della Valle d’Aosta, in collaborazione con la Presidenza della Regione, stanno quindi lavorando affinché venga costituita una gigantesca piazza virtuale in cui ritrovarci per condividere le foto scattate nei trentatré comuni della Valle dove verranno deposte le corone in ricordo ai caduti e allo stesso tempo raccoglieranno le immagini che ci verranno inviate per l’iniziativa promossa in tutta Italia intitolata le

Strade di Liberazione dove

l’ANPI invita le cittadine e i cittadini a deporre un fiore, nei propri Comuni, sotto le targhe di frazioni, vie o piazze dedicate ad antifasciste/i e partigiane/i. Il tutto dovrà avvenire nel pieno rispetto delle normative anti-covid. In questo modo il 25 aprile il Paese si ritroverà riunito intorno a quella straordinaria stagione di lotta per la libertà e la democrazia. Un fiore che diverrà una luce accesa sul sacrificio di tante donne e donne da cui sono nate la Repubblica e la Costituzione. Le immagini postate sulla pagina facebook, inviate su messanger o via mail all’ANPI ( anpi.vda@gmail.com ) verranno raccolte in un video che pubblicheremo nei giorni a seguire.

Vi saranno altre due iniziative centrali: l’uscita del Memoriale della Resistenza Italiana e la Staffetta della Liberazione.

Il Memoriale della Resistenza italiana è uscito il 19 aprile sul portale  www.noipartigiani.it , grazie ad un lavoro durato 2 anni promosso dalla Presidenza nazionale ANPI, col contributo dello SPI-CGIL, e curato da Laura Gnocchi e Gad Lerner. 500 video-testimonianze di partigiane e partigiani che l’Associazione metterà a disposizione della cittadinanza. Una sintesi delle loro esperienze, armate e disarmate; la ricostruzione di importanti fatti storici; episodi di eroismo, sofferenze e atrocità subite; la rappresentazione d’insieme delle varie anime della Resistenza e delle condizioni sociali e culturali in cui sono maturate. Nel primo grande blocco di interviste sono presenti tre racconti riferiti alla Resistenza valdostana, molto diversi fra loro e che vi invitiamo a scoprire: Michel Arlian, nato in Francia il 17 gennaio 1931 è il più giovane partigiano valdostano appartenente alla 13ª Banda Emile Chanoux operante a Trois-Villes di Quart, Piergiorgio Betti, nato a Torino il 6 Ottobre 1930, ha operato come staffetta per la Banda Lexert a Fénis e Pietro Parisi, nato a Cisternino (BR) il 6 Luglio 1924, era invece un partigiano della 176ª Brigata Garibaldi “Gramsci” con il nome di battaglia “Brindisi”.

La “Staffetta della Liberazione” invece accompagnerà tutti gli antifascisti dalle 10.15 alle 18 del 25 aprile con una diretta facebook che prevede collegamenti esterni, letture, musica, incontri, presentazioni di libri, testimonianze partigiane. Hanno già aderito: Dacia Maraini, Giuliano Montaldo, Eugenio Finardi, Laura Gnocchi, Gad Lerner, Francesco Filippi, Chiara Colombini eMarta Cuscunà. Condurranno le giornaliste Anna Longo e Martina Toti.

Per quello che riguarda le iniziative regionali, anche in questo caso il web, ed in particolare i social e il sito dell’ANPI, saranno i nostri luoghi di incontro. Purtroppo diverse iniziative che avevamo programmato come un concerto con i ragazzi della scuola E. Martinet e il trail della memoria sono saltate, ma troveremo il modo per riprogrammarle.

Venerdì 23 aprile alle 17.30 il partigiano Michel Arlian verrà intervistato da Simona D’Agostino durante un evento organizzato dalla Presidenza del Consiglio del Comune di Aosta dal titolo “25 aprile, un pezzo di storia della città tra ricordi e futuro” e trasmesso online da Aostasera.

Non potendo poi essere presenti fisicamente nei luoghi della Resistenza l’ANPI ha quindi pensato di creare un video che farà conoscere gli eventi drammatici che, ognuno di essi, ricorda: il rintocco della campana Aurora di Marine di Perloz che ogni mattina alle 9.15 ci ricorda che a quell’ora è partito il primo colpo di fucile contro un fascista, l’imponente partigiano di bronzo di Trois-Villes che domina la Valle, i monumenti di Rolando Robino di Chesod e Molère, il sacrario di Amay…. Questo video prodotto da Combat Direct con le musiche donateci dai 19 o’clock e da l’Orage verrà pubblicato il 24 aprile insieme a quello che ci parlerà del Trail “I sentieri e i luoghi della Memoria” che si svolge sui sentieri di Saint-Vincent.

“Questo 25 aprile assume anche il valore simbolico di una Festa della rinascita, oggi come allora, della ricostruzione sociale ed economica, della solidarietà fra le generazioni e della comprensione verso i cittadini colpiti dal contagio. Una volta passata la pandemia, saremo tutti chiamati a ricostruire una società più giusta, più equa e più sostenibile. La società che avevano in mente i partigiani e i padri costituenti, per questo l’ANPI ci sarà.”

(Nedo Vinzio, presidente ANPI Valle d’Aosta).

Condividi, grazie! :-)
    Pubblicità