Articoli correlati ‘Saint-Pierre’

25 Aprile | Saint-Pierre

25 aprile 2020

saint_pierre
FESTA DELLA LIBERAZIONE A SAINT-PIERRE

Purtroppo la grave emergenza epidemiologica in atto non consente di celebrare nei consueti e tradizionali modi il settantacinquesimo anniversario, tre quarti di secolo, del Giorno della Liberazione.
Il 25 Aprile è fra le ricorrenze civili della Repubblica Italiana, una delle più sentite, tanto più in quei territori nei quali si sono verificati tragici eventi e uno di questi è proprio Saint-Pierre dove il 7 settembre 1944 sei partigiani e due civili vennero fucilati dai nazi fascisti.
Anche in Valle d’Aosta il contributo di sangue offerto per la Resistenza e la Liberazione dalla dittatura e dall’occupazione straniera è stato ragguardevole ed è grazie al sacrificio di queste persone che oggi viviamo in uno Stato Democratico nel quale ci è consentito esercitare pienamente i diritti fondamentali dell’Uomo sia singolarmente considerato sia come espressione della Comunità.
L’attuale difficile momento ha portato alla temporanea compressione di taluni di questi diritti, ma ciò avviene al solo importantissimo fine di tutelare il bene fondamentale della salute pubblica e degli individui e, soprattutto, è una iniziativa adottata dalle Istituzioni che ci rappresentano e condivisa, con spirito di sacrificio, dalle nostre Comunità.
Si tratta, quindi, di una situazione ben diversa rispetto a quella vissuta più di 75 anni orsono allorquando ogni elementare principio e riferimento ai valori democratici venne brutalmente e deliberatamente calpestato dal regime dittatoriale e dall’occupazione straniera. Continua a leggere: 25 Aprile | Saint-Pierre

Settimana ricca di appuntamenti. Dopo Molère è la volta di Saint-Pierre, Charvensod, Aosta e Amay.

5 settembre 2014

Domenica 31 agosto  a Molère (Valsavarenche) la nostra associazione ha organizzato la commemorazione in ricordo dell’episodio in cui si manifestò tutta la barbarie dei nazi-fascisti. Come da programma prima della Santa Messa sono stati deposti dei mazzi di fiori alle croci, lungo la strada regionale, in ricordo dei caduti. A seguire, alle ore 11, la deposizione della corona da parte dell’Assessore regionale all’Istruzione e Cultura Emily Rini e del sindaco Giuseppe Dupont e la messa tenuta da don Bois davanti ad uno dei monumenti ai partigiani più suggestivi progettato da Rolando Robino.

Come sempre una meravigliosa predica del parroco che quest’anno ha sottolineato come “Fa più rumore un albero che cade che un’intera foresta che cresce e davanti ai nomi di quei caduti tutti noi dobbiamo essere quell’erba che inizia a crescere”.

Erika Guichardaz, responsabile organizzativo dell’Anpi, nel discorso commemorativo ha quindi ricordato come soprattutto a Molère non dobbiamo dimenticare l’impegno dei tanti civili che hanno perso la vita. Donne, bambini ed anziani spesso si sono travate e si trovano ad essere vittime innocenti.

 

Il Comitato valdostano dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia ora è impegnato ad organizzare diverse iniziative per questo fine settimana:

Sabato 6 settembre  a Charvensod– Località Pont Suaz alle ore 17 Deposizione di una corona al cippo in ricordo dei giovani partigiani Giorgio Elter e Guido Saba al Pont-Suaz di Charvensod ed alle 18 presso lo Stabilimento Cogne Acciai Speciali un evento per ricordare i tanti dirigenti e operai che hanno dato il loro apporto alla Resistenza alla presenza delle più alte cariche della Regione e di Alessandro Pollio Salimbeni – Vice-presidente nazionale dell’ANPI e nipote del dirigente della Nazionale Cogne barbaramente ucciso dai nazifascisti

Domenica 7 settembre
a Saint-Vincent – Amay alle ore 10 ritrovo dei partecipanti davanti alla chiesa di Amay per la cerimonia commemorativa a ricordo dei combattimenti svoltisi nella zona, della cattura di Primo Levi e dei numerosi caduti. A seguire la Santa Messa, il corteo verso la cappella dei partigiani costruita negli anni cinquanta per volontà del comandante Edoardo Page, la deposizione di una corona e i discorsi commemorativi.
Nel pomeriggio il ritrovo è a Saint-Pierre –  Parco della Rimembranza alle ore 18 per la Santa Messa, la commemorazione dell’eccidio con deposizione di una corona ai piedi del monumento e il vin d’honneur. Sempre domenica 7 settembre è prevista la commemorazione della costituzione del distaccamento garibaldino Caralli all’alpe Valnera con partenza alle ore 9.30 da San Giacomo di Andrate.